Storie d’amore e de’ cortello

Una scena di
Una scena di “Cesare deve morire” dei fratelli Taviani

Er bene che te vojo, a Roma, se misura ‘n cortellate. Perché er cortello nun è ‘no schioppetto, de quelli che te schioppa a distanza, che co’ un paro de “pa” t’ha risolto ‘a questione. Er cortello nun sempre ammazza ar primo corpo, nun te la fa cavà facile. Ce vole ‘no za, poi n’artro za, poi n’artro ancora e ancora e ancora. Za, za, za, za, za! E che fai ancora nun schiodi, ‘a stronzo… Za, za, za, za, za!

Ce ne volettero 23 alle Idi de Marzo de “za” pe’ ‘r poro Bruto, che dovette ammazzà quer dittatore che j’aveva dato tutto nella vita, pe’ ‘r bene della Cosa de tutti. Divenne er più grande dell’infami de tutto er monno acconosciuto, che solo Giuda, ‘na settantina d’anni dopo, lo superò in infamità. Cesare co’ le lacrime all’occhi pe’ ‘r tradimento je disse “Proprio te, Bruto, che me sei fijo. Proprio te, tra tutti li stronzi che c’avevo ‘ntorno”. Ma le cronache nun scrivono che lui je rispose “A Cè, te vojo così bene che nun te potevo fa accortellà da nessun’altro”. E Cesare ‘o ringraziò, je disse “Grazie Bruto fijo mio” che nun m’hai fatto accortellà dar primo stronzo che passava ‘n mezzo ‘a strada. E ‘sti 23 atti d’amore pe’ la Cosa de tutti e pe’ Cajo Giujo Cesare, l’omo che l’aveva cresciuto com’a’n fijo, je costarono l’infamità imperitura.

Gabbriella ‘a voce de Roma canta “Te possino dà tante cortellate”, com’a dì che me le fai scappà dalle mano pe’ ‘r bene che te vojo. E pe’ qu’a “Banderola de’ Castello” (Sant’Angelo, me sa) ch’a dato “er core a questo e a quello” ce ‘sta solo “’na botta de cortello” pe’ rimedià ar troppo amore ch’aveva donato ‘n giro. Pure le donne, ne la Roma dei bulli – de Meo Patacca e der Tinèa, che co’ la lama riportano ‘a giustizia nei rioni – sanno usà quello strumento d’amore che è er cortello. E così li monticiani, li trasteverini e li borghigiani le questioni le risolvevano a botte de cortello, ma perché erano fiji do stesso fiume e ‘n fonno ‘n fonno se volevano un fiume de bene.

Sur fattaccio der vicolo der moro c’è poco da dì, forse Giggi l’ha raccontato mejo de chiunque artro. Ma è sempre la stessa storia. “Fratello mio, stai diventà n’infame, pe’ questo mejo che t’accortello io che t’accortella er primo stronzo che passa pe’ strada”. Che tanto Roma nun t’avrebbe perdonato lo stesso.

E ancora oggi si passi davanti allo Stadio Olimpico, li romani de tutte e due le sponde so’ famosi pe’ le puncicate, quelle lame sulle chiappe che so ‘r saluto della città, un po’ come na cartolina, che chi ritorna a casa sua po’ dì: “So’ stato a Roma, ‘tacci loro quanto m’hanno voluto bene!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...