Er Gazzebbo dell’immigrati

lega-nord-gazebo-clandestini

C’è ‘na storia che racconta er quartiere e la città mia, storia che m’hanno ariccontato pure a me, che ho ‘nteso da quarcuno che je l’avevano ariccontata ar pizzicarolo e potrebbe esse vera come nun vera, storia che se rincorre de bar in bar, de voce in voce, dar fruttarolo all’alimentari, dalle giostre fino ‘a Snai in piazza. Che passa dar tossico alla casalinga, dar regazzino fino ‘a strappona.

Un giorno er Pinza arivò ‘n comitiva ar fero sporco de grasso de machina, come ar solito. Er Pinza nun poteva che esse un meccanico. Capitava che lo chiamavano pure er Lavoratore, perché ‘n comitiva era l’unico che campava cor salario. L’artri erano tutti omini de vita, come se suol dì: chi aveva rimediato ‘na piccola pensione da’o Stato,  chi campava co’ quella della nonna e comunque tutti facevano “l’impicci”, cioè s’arrabbattavano come potevano, ar di là è ar di qua d’a legge.

Quer giorno er Pinza arivò in comitiva e pe’ parlà der più o der meno se introducette ner discorso. «Aò regà, ma l’avete visto quer Gazzebbo ch’hanno messo dentro ‘a scola? Chissà che cazzo ce dovranno fà…» disse, co’ la solita finesse.

«Mah… E chi ‘o sa, sarà ‘a festa der patrono» rispose er Bistecca, l’omo che a forza de spaccià s’era gonfiato come ‘na palla ner corpo e nello spirito e mò pareva che camminava a mezz’aria,  come se ‘nvece che de manzo fosse pieno d’elio.

«Sete du’ giuggioloni, ve la ponno fa sotto ar naso e voi manco ve n’accorgete», j’arispose er Patacca, ‘na vorta grande truffatore, ridimensionato ai tempi d’a Banda, che a Roma è un po’ come l’avanti Cristo e er dopo Cristo d’a criminalità. Ar tempo s’era ridotto a chiede ‘r pizzo a li negozzietti de zona, a’a gente che l’aveva visto cresce da regazzino. Ma ‘r Patacca quanno che stava seduto su quer fero c’aveva come ‘na sorta de aura de saggezza che j’arisplendeva ‘ntorno, che pure se diceva ‘na cazzata, armeno pe n’attimo, tutti je penzolavano dalla bocca.

«Quelli ce vonno mette l’immigrati. E che nun lo vedete er teleggiornale? Li stanno a mette da tutte ‘e parti ‘sti zozzi, ce stanno a invade. A loro je danno la casa, er vitto e 40 euri ar giorno, mentre noi se dovemo spaccà er culo a casa nostra pe’ portà a casa la pagnotta». Durante er discorso s’era formato come un piccolo capannello davanti e a fianco ar Patacca. Nun c’erano solo criminali: ma pensionati, lavoratori, regazzetti e casalinghe. «E che nun je farebbero comodo 40 euri alla signora Pina» e je puntò er dito addosso, pescandola ner mucchietto de gente co’ le buste della spesa in mano «Che la vonno sfrattà perché ancora nun j’hanno trasferito sur conto la pensione der marito? O a Ettore er pesciarolo?» e indicò pure lui, co’ na cassetta de pesci in mano che rientrava verso er negozzio. «Che ancora me deve pagà ‘r pizzo der mese scorso? E ‘nvece a Spadino? – e sparò l’indice su un ragazzetto – che se rompe l’unghie sui finestrini tutti i giorni pe’ ruba machine e autoradio e rischia er gabbio ogni minuto. La verità è che pure fa ‘r ladro è ‘n lavoro, uno se pia li rischi» e Spadino annuì, co’ la faccia de chi la sa lunga. «Qui a noi ce metteno alla canna, mentre a loro je danno tutto».

Quella piccola folla che s’era formata cominciò come che a mormorà d’approvazione. «C’ha raggione», disse pure er pesciarolo, che immediatamente lasciò la cassetta pe’ tera e se unì ar convitto, pensando che forse er Patacca j’avrebbe abbonato er pizzo dell’altro mese. E fu come automatico che er quartiere, forconi in mano, se dirigesse verso la scola: Patacca, Bistecca e Pinza alla testa, come i quattro cavalieri dell’Apocalisse meno uno.

S’arzarono cori contro l’immigrati, cantarono tutti “Tu scendi dalle stelle”, pe’ ricordà che er quartiere era cristiano e no musulmano, puro si a messa i tre dell’Ave maria nun se presentavano da quanno che erano regazzini. Pure Jamal, che era bengalese ma da vent’anni ormai trafficava pe’ Roma, se unì ar convitto rinnegando Allah e abbracciando la fede in Gesù cristo nostro signore. Furono momenti de grossa commozzione e de grande partecipazzione, ‘a signora Pina se mise a strillà ‘n preda a’e  fregole: «Quer poro marito mio ha lavorato ‘na vita per mantené l’immigrati, ma ve pare giusto?!».

Li studenti li guardaveno dalla finestra senza commentà. Erano spuntate pure le fiaccole, che quarcheduno s’era messo ‘n testa che voleva abbrucià er Gazzebbo. Fu allora che la preside chiamò la polizia, che subitò se presentò e volle negozzià direttamente co ‘r Patacca. «A Patà ma che te sei messo a fa er capopopolo? – je disse er commissario spazientito – e mo’ che vorresti, spiegame ‘n po’ la ragione de tutto sto macello».

«Commissà noi se semo rotti er cazzo», arispose er Patacca che fu subito acclamato dalla folla. «Volemo parlà cor sindaco, perché l’immigrati noi qui nun ce li volemo».

«Ma quali immigrati e immigrati?», er commissario se nascose la faccia tra le mani.

«Li vonno mette dentro la scola, ner giardino, dove che hanno messo quer Gazzebbo. Facce parlà cor sindaco commissà o qui succede ‘na Camboggia».

Come che disse Camboggia Er Bistecca e er Pinza, seguiti d’artri prodi cittadini, forzarono er blocco e se dirigettero co le fiaccole verso er Gazzebbo della discordia. Er commissario capita la serietà da ‘a questione fece pe’ chiamà er primo cittadino. A na certa, però, un regazzino che aveva ‘nteso tutta la questione, sfuggito ner parapiglia all’occhio delle maestre, se presentò davanti ar Gazebo e disse verso la folla ‘ncazzata: «Aò e si ve dà fastidio nun lo famo er mercatino pe’ la festa der patrono, mica che dovete fa tutto casino…».

E la coscienza politica della cittadinanza, l’abbraccio der quartiere ritrovato in quer momento de partecipazzione a li destini della collettività, se sciorse in un clamoroso: «Ma vaffanculo Patà!», che risonò dalle sponde dell’Aniene a quelle der Tevere.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...